Tari 2019: in aumento per 4 città su 10

Tari 2019: in aumento per 4 città su 10

La Tari è la tassa sui rifiuti istituita dalla Legge di Stabilità 2014, nata di fatto per accorpare in un’unica rata le precedenti tasse sui rifiuti (Tarsu e Tia sostituite poi dalla Tares). Il pagamento della Tari è totalmente a carico dell’inquilino ossia da chi possiede, occupa o detiene qualsiasi titolo di locali o aree scoperte, a prescindere dal loro utilizzo, che producano rifiuti urbani ed assimilati e il Comune di residenza può scegliere la cadenza bimestrale, trimestrale o quadrimestrale.

Lo studio del Servizio Politiche Territoriale della IUL

Uno studio per conto dell’Unione Italiani Lavoratori che si è basato sui costi sostenuti nelle 105 città capoluogo di provincia da una famiglia di quattro persone che vive in appartamento di 80 metri quadrati, mostra come la Tari stia crescendo costantemente anno dopo anno. Rispetto ai 299 Euro dello scorso anno, quest’anno si andrà a pagare 302 Euro. La Tari è aumentata in 4 città su 10 con incrementi del 36% dal 2015 ad oggi. Risulta invece stabile in 26 città ed è diminuita in 35 città.

Quali sono le città con la Tari più elevata?

Dallo studio è emerso che le città con la Tari più elevata siano le seguenti:

  • -Trapani con 550 Euro di media a famiglia;
  • -Benevento con 492 Euro di media a famiglia;
  • -Agrigento con 470 Euro di media a famiglia;
  • -Reggio Calabria e Salerno entrambi con Euro di media a famiglia;
  • -Cagliari con 447 Euro di media a famiglia;
  • -Napoli con 442 Euro di media a famiglia;
  • -Messina con 438 Euro di media a famiglia;
  • -Catania con 403 Euro di media a famiglia.

Quali sono invece le città che hanno avuto una crescita maggiore rispetto allo scorso anno? Eccole qui:

  • -Matera con un incremento del 19,90%;
  • -Catania con un incremento del 17,90%;
  • -Pistoia con un incremento del 16,20%;
  • -Imperia con un incremento del 15,70%;
  • -Chieti con un incremento del 14,60%.

Come vi abbiamo anticipato poco fa, ci sono state anche delle diminuzioni che riguardano. Tra le più rilevanti riportiamo le città di Trapani con un -16,80% rispetto al 2018, Potenza con un -13,70% e Frosinone con un – 13,20%.

Sempre dallo studio emerge che la percentuale di rifiuti riciclati continua a crescere ed è un bene per noi e per l’ambiente che ci circonda. I Comuni che riciclano di più si trovano nelle Regioni di Veneto, Trentino Alto Adige e Lombardia con una percentuale che supera il 70%, mentre nelle Regioni del Mezzogiorno non si supera il 30%.

 Ecco qui lo studio nel dettaglio della UIL. Cliccando il link troverete nel dettaglio aumenti e diminuzioni, percentuali di tutte le città capoluogo di provincia.

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *