Cambiano le regole per la separazione

Cambiano le regole per la separazione

 

Buongiorno Gruppo Pensionati! Come sicuramente avrete già sentito parlare in questi giorni, stanno cambiando le regole per la separazione. Ognuno di noi conosce almeno una persona che ha vissuto o che sta vivendo la separazione o il divorzio, un parente, un amico, un conoscente o che l’ha vissuta in prima persona. Più semplice se non ci sono i figli di mezzo, ma con la prole tutto cambia. Si innesca una lotta tra madre e padre per ottenere l’affidamento a tempo pieno dei figli, per decidere come, dove, quando e soprattutto quanto tempo potranno passare con l’altro genitore, chi compra cosa e soprattutto quanto cospicuo sarà l’assegno di mantenimento? Tutto questo non giova al bene dei figli, che volenti o nolenti, si trovano in mezzo a dispute continue. Ma con il nuovo disegno di legge a firma del senatore Simone Pillon si andrà a rivoluzionare di diritto di famiglia. A partire da Settembre i genitori separati dovranno prendersi cura alla pari dei bambini.

Non sarà più previsto l’assegno di mantenimento che prevede il versamento dei soldi da un genitore all’altro, solitamente dal padre alla madre, per il mantenimento dei figli perché il mantenimento dei figli dev’essere un onere di entrambi genitori. In casi limite interverrà il giudice che potrà stabilire ed imporre il mantenimento diretto che verrà calcolato in base al costo medio dei beni e servizi per i figli, su base locale in ragione del costo medio della vita calcolato dall’Istat.

Non sarà più prevista la doppia residenza per i figli ma dovrà essere garantito loro la permanenza di non meno di 12 giorni al mese, compreso i pernottamenti, presso la madre e anche presso il padre. Se questo non sarà possibile, i giorni verranno recuperati durante i periodi di vacanza. Con questo nuovo disegno di legge si cercherà in modo concreto di condividere in modo equo tra i genitori l’affidamento dei figli. E proprio perché non ci sono genitori di serie A o di serie B, i figli hanno il diritto di trascorrere con entrambi i genitori tempi paritetici ed equipollenti.

Le nuove regole saranno derogabili solamente nei casi in cui ci sia un accordo nella coppia o se il giudice ritiene che ci sia un pericolo comprovato e motivato per la salute psico-fisica dei figli della coppia. Logicamente ogni caso è diverso e sarà compito del giudice valutare ogni singolo caso nel pieno delle sue competenze ed operare per il bene dei bambini.

Questo è un argomento che tocca anche voi Pensionati in quanto nonni. Nessuno pensa ai nonni direttamente; quando si parla di separazione o divorzio si pensa sempre ai genitori e ai bimbi ma in questa fase delicata anche i nonni ne soffrono. Hanno un compito importantissimo che è quello di supportare il figlio o la figlia che si sta separando e molte volte, causa lavoro, devono farsi carico loro di seguire i nipoti, scuola, compiti, sport. Che mondo sarebbe senza i nostri nonni? Colonne portanti della nostra vita, punto di riferimento per i figli e per i nipoti.

E con queste nuove regole, anche voi nonni avrete tempi paritetici da dedicare ai vostri nipoti. E voi cosa ne pensate?

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *