Caldo record: Pensionati andate ai ripari!

Caldo record: Pensionati andate ai ripari!

Buongiorno Gruppo Pensionati! L’Italia in questi giorni si trova nella morsa dell’Anticiclone Nord-Africano. Tanto sole e un caldo inteso stanno rendendo questi giorni infernali con temperature eccezionalmente alte, comprese tra i 32 e i 38 gradi.

Per combattere questo caldo afoso è fondamentale restare chiusi in casa nelle ore più calde del giorno, bere tanta acqua per evitare la disidratazione. Anche seguire una alimentazione corretta può sicuramente aiutare.

Cosa dice il Ministero della Salute

Il Ministero della Salute ha diffuso alcune regole basilari per far fronte a questo caldo afoso e non sprecare energia elettrica:

  • – Mantenere chiuse le finestre di casa quando si utilizza il condizionatore;
  • – Abbassare le persiane o le tapparelle e socchiudere i balconi. Con queste protezioni oscuranti si limita il passaggio della luce solare e quindi del calore;
  • – Regolare la temperatura di casa a livelli non troppo bassi. La differenza tra la temperatura esterna ed interna non dev’essere troppo marcata in modo da evitare eccessivi aumenti dei consumi energetici e bruschi sbalzi termici che non fanno bene alla salute. La temperatura di casa per il benessere fisiologico è intorno ai 25-27 gradi;
  • – Curare la manutenzione degli impianti pulendo periodicamente i filtri e l’unità esterna del climatizzatore. La pulizia dei filtri evita di mettere in circolazione nella casa le polveri che si accumulano nei periodi in cui il climatizzatore non viene utilizzato. Inoltre la corretta e costante manutenzione del climatizzatore, ogni 2/3 anni almeno, aumenta l’efficienza del climatizzatore stesso;
  • – Utilizzare il deumidificatore in alternativa al condizionatore: questo permetterà di migliorare le condizioni dell’ambiente di casa diminuendo il tasso di umidità e riducendo il consumo energetico;
  • – Limitare l’uso di elettrodomestici ad alto consumo energetico, come la lavatrice, quando il climatizzatore è in funzione ed evitare, se possibile, l’uso di elettrodomestici che costituiscono ulteriore fonte di calore come il forno o il ferro da stiro.

Climatizzatore o Deumidificatore? Cosa conviene

Se parliamo di risparmio energetico sicuramente il deumidificatore consuma di meno rispetto al climatizzatore. Una volta eliminata l’umidità, il deumidificatore lavora solo per mantenere il clima interno alla casa stabile, quindi consuma maggiormente all’inizio ma poi, una volta stabilizzata l’aria, il consumo è decisamente limitato. Ridurre il tasso di umidità all’interno della casa è importante perché equivale a ridurre il rischio delle energie e di problematiche respiratorie ed infezioni, l’aria sarà più pulita da polveri e batteri e di conseguenza più sana.

Per quanto riguarda il climatizzatore invece, oltre a consumare di più, può causare bruschi sbalzi termici perché abbassa velocemente la temperatura all’interno della casa. È sempre consigliabile coprirsi ogni volta che si rientra in casa, perché si passa del caldo afoso dell’esterno ad un ambiente più fresco e ventilato.

Bonus Fiscale 2019 per i condizionatori

Mi preme farvi sapere che se tra voi Pensionati c’è chi non ha il climatizzatore, c’è la possibilità di acquistare un condizionatore attraverso il Bonus Fiscale. Grazie al Decreto Crescita, a partire dal 1° Luglio 2019, chi acquista un condizionatore può usufruire di uno sconto immediato, che può andare dal 50% al 65%. Le agevolazioni fiscali riguardano gli impianti di climatizzazione con efficacia sia estiva, climatizzatore, che invernale, pompa di calore, ma andiamo a vedere nello specifico le diverse categorie di detrazioni fiscali:

  • – Ecobonus 65%: lo sconto è destinato all’acquisto di climatizzatori dotati di pompa di calore ad alta efficienza e quindi elevato risparmio energetico che andranno a sostituire il vecchio impianto;
  • – Bonus 50%: lo sconto è destinato all’acquisto di climatizzatori di un’ottima classe energetica che andranno a garantire un elevato risparmio energetico.

Pertanto Pensionati se non avete un climatizzatore a casa o se desiderate cambiarlo con uno nuovo, più efficiente che vi comporterà un risparmio energetico, si tratta di un bonus da non lasciarsi sfuggire.

 
 

 

 

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *