Aggiornamento Pensioni: quali sono i rischi del voto anticipato

Aggiornamento Pensioni: quali sono i rischi del voto anticipato

Buongiorno Gruppo Pensionati!

Le consultazioni sono ancora in corso. Ma cosa succederà se non si riuscirà a formare un Governo tecnico e si dovesse andare al voto anticipato?

La crisi di Governo ha annunciato la fine del Governo Lega-Movimento 5 Stelle e avrà delle ripercussioni sul Paese soprattutto a livello economico. Ecco a cosa potremmo andare incontro.

Legge di Bilancio ed Esercizio Provvisorio del Governo

Il voto anticipato potrebbe mettere a rischio l’approvazione della Legge di Bilancio 2020 che deve essere presentata alle Camere entro il 20 Ottobre per poi essere approvata entro il 31 Dicembre 2019. Se si dovesse tornare alle urne non c’è il tempo materiale per formare un nuovo Governo entro il 20 Ottobre e di conseguenza, non avendo una Legge di Bilancio firmata, scatterebbe l’Esercizio Provvisorio.

L’Esercizio Provvisorio del Governo è un periodo transitorio in cui il Consiglio dei Ministri resta in carica con poteri fortemente limitati e che può durare non più di quattro mesi. Durante l’esercizio provvisorio il Governo può occuparsi solamente dell’amministrazione ordinaria, di conseguenza aumenterebbe dell’Iva e le accise sulla benzina e l’Italia perderebbe di credibilità nei confronti degli investitori. Oltre al problema di organizzare le nuove elezioni, c’è quindi la necessità di mettere al riparo i conti pubblici.

Aumento dell’Iva

L’aumento dell’Iva è stato previsto nella Legge di Stabilità 2015 con tre provvedimenti di salvaguardia a partire dal 2016 come misura di garanzia sui conti dell’Italia. Per scongiurare l’aumento dell’Iva ed evitare le clausole di salvaguardia sarà necessario reperire 23 miliardi di Euro già a Gennaio 2020. L’Iva passerà dal 22% al 25,2% e dal 10% al 13%. In questo modo l’Italia pagherà molto di più rispetto agli altri Paesi Europei e lo confermano i dati della Commissione Europea che riportano i dati dell’Iva in tutti i 28 Paesi dell’Unione Europea.

A rimetterci saranno sempre gli Italiani, già vessati dalle tasse, che si vedranno aumentare i costi fino a quasi 890 Euro in più a famiglia all’anno. Per capire quali beni e servizi saranno colpiti dall’aumento dell’Iva potete consultare le Tabelle Iva.

Quota 100 e Pensione di Cittadinanza

La Quota 100 e la Pensione di Cittadinanza sono nate come sussidi in misura strutturale e non temporanea. Di fatto per eliminarle servirebbe una Legge ad hoc. Per quanto riguarda invece la Riforma delle Pensioni è stata introdotta in via sperimentale per il triennio 2019-2021 ma anche in questo caso non dovrebbe subire variazioni. Spetterà poi al Governo in carica nel 2021 decidere se rinnovare o meno la misura.

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *