Aggiornamento Pensioni Anticipate per i lavori usuranti: domande entro il 1° Maggio

Aggiornamento Pensioni Anticipate per i lavori usuranti: domande entro il 1° Maggio

Il 1° Maggio 2020 è il termine ultimo per presentare le domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti, considerati appunto usuranti, per i lavoratori che perfezionano i requisiti per l’accesso alla Pensione Anticipata nel 2021.

Aggiornamento Pensioni Anticipate: la Circolare Inps

Con la Circolare n. 793 del 28 Febbraio 2020, l’Inps indica quali sono i lavoratori coinvolti, nello specifico:

  • -I lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti: lavori in galleria, lavori nelle cave, lavori in cassoni ad aria compressa, i palombari, lavori ad alte temperature, lavori in spazi ristretti, lavori di asportazione di amianto;
  • -I lavoratori addetti alla cosiddetta “linea catena”: lavoratori che svolgono l’attività lavorativa in imprese soggette a specifiche voci tariffarie Inail in mansioni caratterizzate dalla ripetizione costante delle stesse;
  • -I conducenti di veicoli adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo: di capienza complessiva non inferiore ai nove posti;
  • -I lavoratori notturni a turni: di notte per almeno sei ore consecutive comprendenti l’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino per un minimo di 64 giorni all’anno oppure di notte per almeno tre ore nell’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino per periodi di lavoro di durata pari all’intero anno.

Tutte queste categorie di lavoratori possono avere accesso alla Pensione Anticipata con un requisito di età anagrafica inferiore rispetto a quello previsto per avere accesso alla Pensione di Vecchiaia, purché abbiano svolto mansioni considerate usuranti e gravose per almeno sette anni negli ultimi dieci anni di vita lavorativa oppure per almeno metà della loro vita lavorativa.

Aggiornamento Pensioni Anticipate per i lavori usuranti: come e quando presentare la domanda

La domanda di accesso alla Pensione Anticipata per i lavoratori impiegati in attività considerate usuranti e gravose, deve essere presentata entro il 1° Maggio 2020 per poter ottenere la Pensione nel 2021. Nel caso in cui la domanda venga presentata oltre questo termine, in possesso dei requisiti richiesti per Legge, la decorrenza della Pensione è differita secondo le scansioni temporali così indicate:

  • -Un mese: se il ritardo nella presentazione della domanda è inferiore o pari a un mese;
  • -Due mesi: se il ritardo nella presentazione della domanda è superiore a un mese ma inferiore a tre mesi;
  • -Tre mesi: se il ritardo nella presentazione della domanda è pari o superiore ai tre mesi.

La domanda può essere presentata attraverso una delle seguenti modalità:

  • -Online sul Sito Web Inps: attraverso la sezione dedicata al Cittadino, muniti di codice fiscale e Pin dispositivo rilasciato dall’Inps stesso;
  • -Contact Center: telefonando al Numero Verde gratuito da rete fissa 803-164 oppure il numero fisso a pagamento da rete mobile (la tariffa verrà applicata in base al vostro operatore telefonico) 06-164-164;
  • -Enti di patronato, Caf, Sindacati e tutti gli intermediari convenzionati con l’Inps: recandosi presso una loro sede ed inoltrando la richiesta telematicamente con il loro supporto.

Ultimissime sulle Pensioni Anticipate per i lavori usuranti: come potrà essere l’esito dell’Inps

In esito alla domanda di accesso alla Pensione Anticipata per i lavoratori impiegati in attività considerate usuranti e gravose, l’Inps può comunicare al lavoratore quanto segue:

  • -L’accoglimento della domanda: qualora il lavoratore sia in possesso dei requisiti richiesti per Legge, indicando la prima decorrenza utile al trattamento pensionistico;
  • -L’accertamento del possesso dei requisiti relativi allo svolgimento di attività usuranti e gravose: con differimento della decorrenza del trattamento pensionistico a causa dell’insufficiente copertura finanziaria. In questo caso, andrà a comunicare quale sarà probabilmente la prima data utile per l’erogazione del beneficio;
  • -Il rigetto della domanda: qualora l’Inps accerti il mancano possesso dei requisiti richiesti per Legge, relativi allo svolgimento delle mansioni particolarmente faticose e pesanti.

Ricordiamo che l’accesso alla Pensione Anticipata per i lavoratori impiegati in attività considerate usuranti e gravose, è riconosciuto a seguito della presentazione della domanda all’Inps da parte del lavoratore stesso, il cui accoglimento è subordinato alla sussistenza di ogni altra condizione di Legge.

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *