Notizie Pensioni ultima ora: ecco perché perdi i contributi versati

Notizie Pensioni ultima ora: ecco perché perdi i contributi versati

Cari Pensionati, può succedere che un lavoratore abbia svolto dei periodi di lavoro versando i contributi ma che non siano validi ai fini del raggiungimento del diritto della Pensione. Andiamo a vedere insieme quali sono i casi, quando e perchè i contributi versati si considerano persi.

Ultime Notizie Pensioni: cosa dice l’Ordinamento Italiano

L’Ordinamento Italiano ha stabilito che per aver accesso alla Pensione di Vecchiaia, è necessario aver maturato almeno venti anni di contributi e congiuntamente aver raggiunto i 67 anni d’età. Il sistema pensionistico prevede inoltre requisiti differenti per alcune categorie particolari di lavoratori. È il caso ad esempio dei lavoratori impiegati in attività considerate gravose e usuranti. Per questa tipologia di lavoratori è prevista l’uscita anticipata dal mondo del lavoro, per andare in Pensione prima del tempo previsto per tutte le altre categorie di lavoratori, accedendo appunto alla Pensione Anticipata con quota 97,6 con almeno 61 anni e 7 mesi congiuntamente a 35 anni di contributi versati.

Notizie Pensioni ultima ora: quando i contributi versati si considerano persi

I contributi versati si considerano persi quando non ci sono i requisiti minimi per aver accesso alla Pensione di Vecchiaia. In questo caso la Legge è molto chiara e ci sono anche molte sentenze della Corte di Cassazione al riguardo: non spetta nessun rimborso ai lavoratori che hanno versato i contributi durante il periodo di lavoro e che, una volta concluso il rapporto di lavoro, non hanno ottenuto il riconoscimento della Pensione. I contributi si considerano persi solamente nel caso in cui il periodo lavorativo sia inferiore ai venti anni, ossia quando il lavoratore ha devoluto alle casse dello Stato e quindi all’Inps i contributi relativi ad un periodo di lavoro inferiore ai venti anni. Ricordiamo che venti anni di contributi versati è il requisito contributivo minimo imposto dalla Legge. Se il lavoratore non è in possesso di questo requisito fondamentale, perde i contributi versati all’Inps e non può in alcun modo rivolgersi all’Inps per ottenere una Pensione di Vecchiaia né tantomeno il rimborso dei contributi versati.

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *