Aggiornamento Pensioni: come funziona la Quota 100 oggi

Aggiornamento Pensioni: come funziona la Quota 100 oggi

Cos’è la Quota 100

La Quota 100 o Pensione Anticipata è una prestazione economica erogata dall’Inps, a domanda, ai lavoratori che maturano nel periodo compreso tra il 1° Gennaio 2019 e il 31 Dicembre 2021 i requisiti prescritti dalla Legge (età anagrafica di 62 anni congiuntamente a 38 anni di contributi versati). Si tratta di una misura sperimentale introdotta con la Legge di Bilancio 2019 e valida per il triennio 2019-2021. L’importo medio mensile della Pensione con la Quota 100 è di 1.865 Euro.

A chi è rivolta la Quota 100

La Pensione Anticipata attraverso la Quota 100 è rivolta ai lavoratori iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO), compreso il Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti e le gestioni speciali per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri), e alle forme sostitutive ed esclusive dell’AGO, gestite dall’Inps e ai lavoratori iscritti alla Gestione Separata.

A chi non è rivolta la Quota 100

La Pensione Anticipata attraverso la Quota 100 non è rivolta al personale appartenente alle Forze Armate, al personale delle Forze di Polizia e di Polizia Penitenziaria, al personale operativo dei Vigili del Fuoco e al personale della Guardia di Finanza.

Aggiornamento Pensioni Quota 100: differenze tra settore privato e settore pubblico

La disciplina delle decorrenze è diversificata a seconda del settore in cui il lavoratore è impiegato, se privato o pubblico, e quindi dalla gestione previdenziale a cui è a carico il lavoratore e dove viene liquidato il trattamento pensionistico.

I lavoratori dipendenti del settore privato e i lavoratori autonomi che hanno maturato i requisiti entro il 31 Dicembre 2018, conseguono il diritto alla Pensione dal 1° Aprile 2019; chi li matura a decorrere dal 1° Gennaio 2019 conseguono il diritto alla Pensione a distanza di tre mesi. Se la prestazione pensionistica deve essere liquidata a carico di una gestione esclusiva dell’AGO, una volta conseguiti i requisiti prescritti dalla Legge, la finestra di uscita è di tre mesi e l’accredito della Pensione avviene il primo giorno del mese successivo alla finestra di uscita; se invece la prestazione pensionistica deve essere liquidata a carico di una gestione diversa da quella esclusiva dell’AGO, una volta conseguiti i requisiti prescritti dalla Legge, la prima decorrenza utile della liquidazione è fissata al primo giorno successivo alla finestra di uscita.

I lavoratori dipendenti del settore pubblico che hanno maturato i requisiti entro il 29 Gennaio 2019, conseguono il diritto alla Pensione dal 1° Agosto 2019; chi li matura a decorrere dal 30 Gennaio 2019 conseguono il diritto alla Pensione a distanza di sei mesi. Per i lavoratori impiegati nel comparto Scuola il diritto alla liquidazione della prestazione pensionistica decorre dal 1° Settembre 2019.

Aggiornamento Pensioni Quota 100: i requisiti

Il primo requisito indispensabile per conseguire la Pensione Anticipata attraverso la Quota 100 è la cessazione del rapporto di lavoro. Il secondo requisito indispensabile è il cumulo tra l’età anagrafica e i contributi versati deve dare 100. L’età anagrafica del richiedente deve essere non inferiore ai 62 anni e avere un’anzianità contributiva di 38 anni.

Quando può essere sospesa la Quota 100

La Pensione Anticipata attraverso la Quota 100 non è cumulabile con i redditi derivanti da qualsiasi attività lavorativa. L’unica eccezione riguarda i redditi derivanti da lavoro autonomo occasionale nel limite di 5mila Euro lordi all’anno. Pertanto tutti i lavoratori che hanno avuto accesso alla Pensione attraverso la Quota 100, non potranno più continuare la loro attività lavorativa, ne come dipendenti, ne come autonomi o liberi professionisti, pena la sospensione della Pensione (vedi Circolare Inps n. 11 del 29 Gennaio 2019). Il divieto che ha imposto l’Inps è assoluto: qualsiasi reddito percepito in concomitanza della Pensione Quota 100, anche se di importo irrisorio, farà sospendere l’erogazione della Pensione.

Come inoltrare la domanda

La domanda per avere accesso alla Quota 100 può essere presentata attraverso una delle seguenti modalità:

  • Online sul Sito Web Inps: attraverso la sezione dedicata al Cittadino, muniti di codice fiscale e Pin dispositivo rilasciato dall’Inps stesso;
  • Contact Center: telefonando al Numero Verde gratuito da rete fissa 803-164 oppure il numero fisso a pagamento da rete mobile (la tariffa verrà applicata in base al vostro operatore telefonico) 06-164-164;
  • Enti di patronato, Caf, Sindacati e tutti gli intermediari convenzionati con l’Inps: recandosi presso una loro sede ed inoltrando la richiesta telematicamente con il loro supporto.

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *